• December 26, 2016 at 10:02 pm

    LONDRA – Felicity Jones vale quasi un milione a centimetro. La nuova star di Star Wars è alta un metro e 59 e il suo Rogue one ha superato i 155 milioni di dollari nel primo weekend in patria: sette in più del Risveglio della forza. E senza bisogno di Jedi e spade laser, senza nemmeno Ian Solo. La trama di Rogue one era riassunta nei titoli di testa di Una nuova speranza, quello del ’77: alcuni ribelli avevano rubato i piani della Morte Nera. Alla guida di quei sette samurai spaziali, a portare il peso del kolossal da 200 milioni, c’è la minuta attrice britannica il cui nome sembra uscito da un romanzo ottocentesco. 33 anni, una candidatura all’Oscar per La teoria del tutto e un’altra in probabile arrivo come madre malata in A monster calls, Felicity Jones ha lo sguardo che buca, anche quando sullo schermo guida le rivolte. Rogue one è visivamente legato allo Star Wars del ‘77. “Sì, lo è. Cercavamo quel tono, quell’autenticità. Umorismo ma anche personaggi capaci di coinvolgere subito il pubblico”.